Alice In Chains: recensione di Dirt

29 settembre 1992.
Siamo in pieno terremoto grunge con epicentro Seattle, gli Alice In Chains sbancano il botteghino pubblicando Dirt, pietra miliare della discografia rock.

Era il 1992: in Jugoslavia proseguiva la guerra civile e secessionista, Falcone e Borsellino perderanno la vita a Palermo in due attentati, in Italia scoppia lo scandalo Mani pulite, anticamera di tangentopoli dell’anno successivo, il democratico Bill Clinton verrà eletto presidente degli Stati Uniti al posto dello sconfitto George Bush, mentre nel frattempo la tecnologia, che stava facendo passi da gigante, diventerà sempre più indispensabile, e andrà a modificare in maniera significativa usi e costumi degli esseri umani in ogni settore della vita.

Nel 1992, nell’ambito musicale, queste erano le uscite discografiche nel nuovo panorama alternative rock e metal: Dirt degli Alice In Chains, Core degli Stone Temple Pilots, il debut album omonimo dei Rage Against The Machine, l’MTV Unplugged dei Pearl Jam, Vulgar Display Of Power dei Pantera, Blues For The Red Sun dei Kyuss, Dirty dei Sonic Youth, Incesticide dei Nirvana, Opiate dei Tool. Questo, chiaramente, è solo un elenco parziale.

Ormai gli Alice In Chains erano stati consapevolmente inghiottiti dalla moda grunge di quel periodo e dal potere delle case discografiche (il famoso aiutino delle major), sebbene a metà anni ’80 si fossero adeguati alla tendenza di quel momento storico con una proposta musicale semplicemente glam rock, che però non gli portò successo e fama. Successo e fama arriveranno qualche anno più tardi.

Va detto, però, che gli Alice In Chains andarono oltre certi stereotipi grunge: le influenze psichedeliche e cosmiche seventies, il retaggio metal degli Ottanta, lo splendido timbro, sofferto ed evocativo, del compianto Layne Staley e le grandi performance alla chitarra di Jerry Cantrell sono i capisaldi di un capolavoro indiscusso come Dirt, dove titolo e artwork ci introducono in una dimensione sporca, straziante, destabilizzante, psichedelica, di disperazione acida, tossica e claustrofobica.

Brani come Rooster, Would?, Angry Chair, Godsmack, Dam That River, Rain When I Die, Them Bones: un album che non ha un buco, ogni pezzo è perfetto.

Chi non si è mai perso nei testi di Dirt, nei riff sabbathiani e lisergici di Cantrell, nel basso di Would o nella voce ipnotica di Staley?

Se è vero che l’arte nasce dal disagio, gli Alice In Chains furono lo specchio fedele della società in cui si manifestarono, la fotografia più nitida del lamento della generazione degli anni ’90. Insieme ai Nirvana, ovviamente.

Dirt è stato il prolungamento della nostra adolescenza: un capolavoro senza tempo.

© 2019 – 2020, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.