Ian Astbury

Heswall, 14 maggio 1962.

Nasce Ian Astbury, cantante inglese, leader, frontman e cofondatore della storica band britannica The Cult.

Ian Astbury è cresciuto nel mito di Jim Morrison ed è un profondo conoscitore della cultura degli Indiani d’America.

I The Cult sono stati capaci di unire sotto la stessa bandiera i darkettoni reduci dalla fine del punk di fine anni ’70, e i rockettari da strada di metà anni ’80.

Ho letto diverse critiche nei loro confronti: secondo alcuni detrattori non erano originali, ma soltanto cavalcatori di mode.

Del resto, nessuno di noi può piacere a tutti.

Dopo l’inaspettato successo dell’album Love, che è stato il disco gothic rock più venduto di tutti i tempi (più dei Cure della trilogia, dei Sisters of Mercy, dei Joy Division e dei Bauhaus), Ian Astbury e Billy Duffy si tolsero definitivamente vestiti e pose tenebrose per indossare i panni dei rockers.

Fu così che nacque, nel 1987, Electric, disco pieno di riferimenti rock blues anni ’70, vedi Led Zeppelin, Ac/Dc, Rolling Stones e Cream, fonte di ispirazione per Astbury e Duffy.

Con questo cambio di pelle, inoltre, Ian Astbury liberò finalmente quella carica animalesca da palco che possedeva e che riuscì ad estendere al meglio, così come il suo timbro di voce e i suoi atteggiamenti, fin troppo debitori nei confronti del ‘Re lucertola’, suo idolo giovanile.

© 2019 – 2020, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *