Poison – Open Up and Say… Ahh!

3 maggio 1988.

I Poison pubblicano il loro secondo album, ‘Open Up and Say…Ahh!’.

Il disco parte con il brano ‘Love on the Rocks’ in cui nei primi venti secondi troviamo subito una ragazza che fa un pompino a Bret Michaels… “She goes down slow, like a shot of gin”.

Significa forse che il gin va giù facilmente?

Probabilmente no.

Bellissima la cover di un brano del 1972, ‘Your Mama Don’t Dance’, mentre ‘Nothing But A Good Time’ divenne un vero e proprio inno rock, la ‘Rock and Roll All Nite’ degli anni ’80.

I Poison portarono all’esasperazione il concetto del glam degli anni ’80: un rock melenso, di plastica, specchio fedele del tessuto sociale di quegli anni.

Chi comprava le loro cassette, vinili, o compact disc, se ne fregava di cosa rappresentasse la band, o comunque non era così rilevante.

Se i Black Sabbath possono essere definiti come i più heavy dell’heavy, i Poison erano i più glam del glam.

Look e musica, tutto era glam nei Poison.

I Poison non potevano nemmeno essere definiti una band metal, sebbene fossero presenti in tutte le riviste heavy metal.

Non c’era nulla di metallico, o heavy, nel loro materiale discografico. Se penso a dei suoni metal mi vengono in mente mille gruppi, ma sicuramente non la musica dei Poison.

Però, i Poison ebbero il merito di contribuire al rafforzamento dell’identità del loro genere in quel periodo musicale, un pò come i Led Zeppelin, che rappresentarono la struttura della rock band per antonomasia, soprattutto dal vivo.

I Black Sabbath erano cresciuti nell’area fortemente depressa di Birmingham, i Poison sono figli della cupa e industrializzata Pennsylvania. E probabilmente, questo è l’unico filo conduttore tra i due gruppi.

Quello dei Poison era un credo superficiale, senza pretese o messaggi subliminali, insomma, una forma d’arte votata alla spensieratezza, all’intrattenimento.

In buona sostanza, i Poison non volevano solamente divertirsi e divertire, ma chiedevano al mondo perché avrebbero dovuto volere qualcos’altro.

Ottima domanda, soprattutto nel 1988.

© 2019, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.