I Casini Di Shea: recensione di Parco Gonzo

I Casini Di Shea

Parco Gonzo

Cabezon Records

25 settembre 2020

genere: post-grunge, alternative rock, noise, punk

_______________

Il 25 settembre 2020, per Cabezon Italy e XO Publishing, è uscito Parco Gonzo, il debutto discografico de I Casini Di Shea.

Il primo EP della band marchigiana, nonostante la breve durata (con appena tre canzoni a comporne la tracklist), mette in mostra un approccio, sia musicale che lirico, indovinato e maturo.

La fusione tra alternative e noise-rock, arricchita da sfumature punk (Sostanze) e post grunge, si traduce in un mood scuro e distorto, carico di energia e rabbia, che riesce a mantenere alta la curiosità dell’ascoltatore durante l’intera release e a far emergere un suono denso e compatto (con la sola pecca di un basso un po’ nascosto rispetto alle tipiche produzioni di genere).

Piacevole è anche l’excursus melodico nella conclusiva La Primavera Ce L’Hanno Imposto, quasi a disegnare una pennellata di italianità in un quadro fortemente ispirato dal sound d’oltreoceano di fine millennio.

L’aspetto più critico è invece legato alle liriche: nonostante queste presentino una poetica nera vincente, corredata da punte di ermetismo che non ne intaccano eccessivamente la comprensibilità, e malgrado le piacevoli stesure vocali su cui si muovono, il lavoro di missaggio
propone scelte inerenti ai volumi e all’effettistica che fanno sembrare il comparto canoro assolutamente avulso dal resto dell’opera, rendendo inoltre difficilmente intelligibili le (belle)
parole che compongono i testi.

In conclusione, possiamo parlare di Parco Gonzo come di un EP interessante e ricco di spunti, i quali però rischiano di sprecarsi in una produzione assurda e nociva verso quanto di buono proposto da I Casini Di Shea. Tuttavia, rimane viva la speranza verso il futuro della band di Senigalia e, soprattutto, verso una maggior cura dei “dettagli”.

Alberto Maccagno

TRACKLIST:

1. La Tua Verità

2. Sostanze

3. La Primavera Ce L’Hanno Imposto

FORMAZIONE:

Mauro Mariotti – voce, chitarra

Andrea Marcellini – basso

Simone Buoncompagni – batteria

© 2020, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.