Queen – A Night At The Opera

21 Novembre 1975.

I Queen pubblicano il loro quarto album in studio, ‘A Night At The Opera’.

Ve lo preannuncio, questo non è il post di un fan sfegatato dei Queen, ma nemmeno quello di un detrattore. Le mie vogliono solo essere riflessioni volte ad analizzare il ‘fenomeno Queen’ nel suo complesso e a capirne le dinamiche. Nello specifico, a fare luce sul perché questo sia il disco preferito da molti dei fan della band inglese.

Premetto che non amo particolarmente la voce di Freddie Mercury, forse questo mi fa partire con dei pregiudizi, o forse i pregiudizi li ha chi venera il sig. Bulsara come fosse un messia; non mi piace neanche il suono della chitarra di Brian May, non mi è mai piaciuto. Qualcosa la salvo? Sì, eccome. La sezione ritmica dei Queen è semplicemente incredibile, amo Roger Taylor non solo come batterista, ma anche come autore e su Deacon, abbigliamento a parte, posso avere solo parole buone.

Gusti personali a parte, è indubbio che siamo davanti a quattro artisti di spessore, che hanno contribuito a rivoluzionare la musica dei loro anni, essendo spesso avanguardisti e visionari.

Ma cos’ha questo album di così speciale? Ho provato a rispondere a questo interrogativo, avrete già capito come la penso, ma vorrei essere più analitica e meno passionale. Se dovessi dar retta ai miei gusti vi direi che i migliori album dei Queen sono i primi tre e che in seguito hanno prodotto altro buon materiale, vedi ‘Jazz’, di cui ho parlato pochi giorni fa, ma che hanno anche avuto momenti meno sfavillanti, lustrini sui costumi di scena di Mercury a parte.

Dunque, partiamo subito in quarta: ‘Bohemian Rhapsody’, il clou di questo disco, pezzo geniale che, come altri della sua caratura, è ormai schiacciato dal peso della sua fama, così tanto da essere diventato quasi inascoltabile. Stessa sorte di altri cavalli di battaglia, mi vengono in mente ‘Stairway to Heaven’ dei Led Zeppelin o ‘Smoke on the Water’ dei Deep Purple. Resta comunque un grandissimo brano e vale da solo il prezzo del disco.

In effetti, ed è qui che volevo arrivare, credo che molti osannino questo album proprio perché “è quello di Bohemian Rhapsody”. Non credo sia così, perché ci sono altri bei pezzi, che citerò fra poco, ma nel complesso credo che ci siano lavori dei Queen più meritevoli di questo, che magari con contengono una hit stratosferica come la suddetta rapsodia boema, ma che risultano più gradevoli ad un ascolto dalla prima all’ultima traccia.

Fra le varie ballad strappalacrime di Mercury e soci, ‘Love of My Life’ è sicuramente una delle migliori, caratterizzata dal classici controcanti in stile Queen e da un soave pianoforte dal sapore barocco, accompagnato dall’arpa suonata da Brian May. Una moderna versione di Bach, mi verrebbe da dire.

Impossibile non ricordare la bellissima versione live che ne fecero gli Extreme al Freddie Mercury tribute a Wembley. L’armonizzazione delle voci di Gary Cherone e Nuno Bettencourt è da pelle d’oca, anche meglio dell’originale.

L’altro singolo estratto da questo disco è ‘You’re My Best Friend’, un pezzo molto pop e moderno, difficile da collocare mentalmente a metà anni ‘70.

Un pezzo davvero molto ‘Queen’, ammesso che cio voglia dire qualcosa. Perché i Queen sono sempre stati un gruppo dallo stile inconfondibile, eppure hanno spaziato moltissimo e questo genera in me un po’ di confusione.

Chi sono davvero i Queen? Un gruppo rock? Un genere a parte? Una band che ha fatto rock solo a sprazzi e la cui anima non era poi così sporca e maledetta come quella dei loro colleghi contemporanei?

Personalmente non ho mai visto in Brian May un rocker nudo e crudo, tantomeno in Freddie Mercury, figura carismatica, non c’è dubbio, ma che forse fino all’ultimo ha sempre faticato a capire chi fosse. Con gli anni diventato più divo che rocker, preferisco ricordarlo agli inizi della sua carriera, quando il suo estro era ancora ben mescolato a quello degli altri componenti della band.

L’altro pezzo che vorrei menzionare è quello scritto e cantato da Roger Taylor, ‘I’m In Love With My Car’. Lo cito non solo perché è la traccia che preferisco, ma perché mi serve da spunto per un altro ragionamento.

Questo brano è stato pubblicato come b-side del singolo di ‘Bohemian Rhapsody’ dopo forti pressioni da parte del batterista dei Queen. Brian May non aveva preso il pezzo sul serio e Freddie Mercury si rifiutava categoricamente di inserirlo come lato B del suo 45 giri capolavoro.

La mia personale conclusione è che i Queen fossero una band disomogenea, l’anima rock era quella di Roger Taylor, gli altri componenti erano davvero molto diversi tra di loro e per carità, ci mancherebbe altro. Ognuno di noi è diverso, ma faccio l’esempio dei Beatles. Personalità totalmente opposte, che però erano in grado di unirsi o di comporre ognuno per i fatti suoi, con risultati quasi sempre eccelsi e condivisi.

Allo stesso tempo fu forse proprio questa, però, la fortuna dei Queen. L’essere così variegati ha dato loro la capacità di fare breccia in un pubblico vastissimo e altrettanto variegato, li ha resi più pop, nell’accezione letterale e non dispregiativa del termine, facendo loro vendere circa 300 milioni di dischi in tutto il mondo e riempiendo gli stadi.

In conclusione, ‘A Night At The Opera’ è certamente un buon album, ma consiglio di scavare a fondo nella discografia dei Queen perché c’è davvero molto di più.

https://youtu.be/fJ9rUzIMcZQ

© 2018, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *