Robert Smith e David Bowie

1°gennaio 1997.

Robert Smith torna a casa e per prima cosa preme il tasto della segreteria telefonica.

Il primo messaggio gli procura uno shock: “Ciao Robert, sono David Bowie. Darò una festa per i miei cinquant’anni al Madison Square Garden e voglio che tu venga a cantare. Sarà una bomba, vedrai”.

È il 1° gennaio 1997, Robert Smith è felice come un bimbo. Che grande inizio anno.

Poi si convince che non è possibile, che è uno scherzo. Chiede a sua moglie Mary: “Com’è possibile che Bowie abbia il mio numero di telefono se non è nemmeno sull’elenco?”.

Mary gli risponde che non ha mai sentito una domanda più stupida di quella è che se Bowie vuole il numero di qualcuno, prima o poi lo trova.

Robert Smith continua a credere che sia qualcuno dei Cure che vuole prenderlo in giro.

Chiama il numero che Bowie ha lasciato in segreteria e dice: “Grazie dell’invito, ma non credo di poter venire”.

Quando Bowie richiama per convincerlo e Smith si convince che è davvero lui, non perde altro tempo: “Vengo”, gli dice mentre David sta ancora parlando.

E gli racconta di quanto avesse paura che fosse tutto uno scherzo.

Saliranno insieme sul palco del Madison Square Garden una settimana dopo, il 7 gennaio, insieme a Lou Reed, Billy Corgan, Sonic Youth, Placebo e Foo Fighters.

David e Robert canteranno ‘The Last Thing You Should Do’ e ‘Quicksand’.

E nell’after party dato da Julian Schnabel, Smith continuerà a chiedere alla moglie: “Ma è davvero David Bowie?”.

© 2019, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *