Nirvana: Nevermind

24 settembre 1991.
I Nirvana di Kurt Cobain, Krist Novoselic e Dave Grohl, new entry alla batteria, pubblicano il loro secondo album Nevermind.

Nevermind è ritenuto uno degli album fondamentali degli anni ’90 e della storia del rock in generale.

Il bambino nella copertina dell’album Nevermind è Spencer Elden, fotografato all’età di 4 mesi in una piscina di Pasadena, California, dall’esperto fotografo Kirk Weddle.
I genitori, Renata e Rick Elden, ricevettero un compenso di appena 150 dollari.

Non avrebbero mai immaginato che Nevermind sarebbe diventato uno dei dischi più venduti del rock e la sua copertina una delle più iconiche di tutti i tempi.

La band, successivamente, regalò al ragazzo il disco di platino dell’album in segno di riconoscenza. Nel 2005, a 15 anni, Spencer Elden apparve in un documentario in DVD intitolato Classic Albums: Nirvana – Nevermind.

Kurt Cobain fu l’unico artista di quella generazione a essere sincero, fino alla fine e senza mezzi termini. E questo, probabilmente, fu anche il motivo per cui i Nirvana, e la morte di Cobain, furono così grandi; per una volta fu tutto vero.

Molte persone pensavano che Kurt Cobain fosse semplicemente ironico, ma nessuno aveva capito che forse era l’unico in tutto il panorama musicale di quel periodo a non esserlo affatto.

I suoi testi dicevano esplicitamente che odiava la vita e voleva morire, e la sua musica era un rumoroso lamento doloroso che esprimeva la sua profonda tristezza.

Fu l’unico genio pop di quella generazione che riuscì a dare alle persone esattamente quello che volevano, e con assoluta sincerità.

Del resto, cosa potrebbe fare più effetto di un album memorabile come Nevermind e di un colpo di fucile sparato dritto in faccia?

Kurt Cobain e Nevermind furono l’asse trainante del sound grunge di Seattle, che nel 1991 spazzò via il decennio degli Ottanta, grazie alla produzione pulita di Butch Vig, definito l’assassino senza volto del genere metal.

Furono sufficienti pochi riff orecchiabili provenienti da Aberdeen, quella che sta negli Stati Uniti d’America, e una forma di poesia cinica ed elementare per cancellare e smantellare le illusioni e le promesse del decennio precedente.

Fu così che, case discografiche e riviste di settore diedero l’estrema unzione a tutte quelle band glam metal, iniziando a spalare fango sulle loro tombe. Il genere metal fece la fine di Napoleone Bonaparte, mentre il grunge divenne il fenomeno pop musicale della prima metà degli anni ’90, e soprattutto riuscì nel suo intento: rendere commercialmente impopolare il metal.

La rivincita del losers, della normalità, del messaggio noi siamo comè voi, musicisti e fan.

“Il nostro secondo album si intitola Nevermind, perché e’ proprio questo l’atteggiamento oggi più diffuso tra la gente: di fronte a tutto quello che succede, si preferisce dire “Non importa”, o “Chissenefrega”, piuttosto di agire, di reagire in qualche modo, magari prendendo una bomboletta di vernice per scrivere graffiti sui muri, o anche formando una rock band con la quale esprimere qualcosa”. (Kurt Cobain)

I Nirvana diventarono in brevissimo tempo la band più importante della scena mondiale e Smells Like Teen Spirit la canzone simbolo degli anni ’90.

© 2019, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.