Eric Clapton – Tears in Heaven

New York, 20 marzo 1991.

Eric Clapton perde tragicamente il suo figlioletto Conor, di 4 anni, avuto da Lory Del Santo.

Il bimbo cadde dal 53º piano di un grattacielo a New York dell’appartamento dove si trovava con la madre, si dice a causa di una finestra lasciata aperta da una domestica.

Per alcuni mesi Eric Clapton è distrutto, poi cercò di superare il dolore, o almeno di lenirlo, scrivendo una canzone.

Ha solo il primo verso, “Would you know my name if I saw you in heaven”, “Sapresti il mio nome se ti vedessi in paradiso?”, e non vuole andare avanti.

Si rivolge allora a Will Jennings, celeberrimo compositore con cui Clapton sta lavorando alle canzoni del film ‘Rush’.

Jennings è perplesso, non vorrebbe lavorare a qualcosa di così personale e insiste affinché sia Clapton a terminare il brano, ma alla fine cede e scrive ‘Tears in Heaven’ che, inserito all’ultimo momento nella colonna sonora del film, diventa un successo mondiale, classico caso di canzone la cui fama oscura quella del film.

Altro esempio è ‘Knockin on Heaven’s Door’ di Bob Dylan, che travolse il film ‘Pat Garrett and Billy the Kid’.

‘Tears in Heaven’: un brano amaramente dolce e davvero straziante.

© 2019, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.