Eric Carr

New York, 24 novembre 1991.

Muore nella sua New York, a causa di una forma di cancro, Eric Carr, vero nome Paul Charles Caravello, batterista statunitense, noto per la sua militanza nei Kiss dal 1980 al 1991.

I Kiss tennero nascosta la notizia dell’abbandono dello storico batterista Peter Criss fino all’uscita dell’album ‘Unmasked’, il 20 maggio del 1980.

Ace Frehley avrebbe voluto Anton Fig come successore, visto che Fig aveva inciso già due album con i Kiss, ma la cosa non era ben vista dalla maggioranza della band, ossia da Gene Simmons e Paul Stanley.

Fu così iniziarono le audizioni per reclutare il nuovo batterista dei Kiss.

La scelta, dopo aver ascoltato centinaia di batteristi, ricadde su un ragazzo modesto, che di mestiere puliva le stufe, oltre a suonare la batteria.

Il suo nome era Paul Charles Caravello e aveva già una discreta esperienza come batterista, suonando in diverse cover band, tra cui una che si chiamava Smack. Certo che passare dal suono onomatopeico del bacio, al ‘bacio’ vero e proprio, fu sicuramente un bizzarro scherzo del destino.

Dopo anni di esperienza, limitata a suonare per i locali di New York con cover band che proponevano pezzi di Rolling Stones, Beatles, Police e Van Halen, Caravello aveva un pò perso le speranze e si era quasi rassegnato a vivere la musica solamente come un passatempo.

“Perchè dovrebbero scegliere proprio me?” si sarà chiesto Caravello, il modesto pulitore di stufe.

Caravello fece comunque l’audizione con i Kiss. L’esperienza fu talmente importante per lui che, a fine performance, chiese l’autografo a Paul Stanley, Gene Simmons ed Ace Frehley, come fosse un semplice fan.

La sua modestia ed il suo tocco deciso e potente, convinsero i tre Kiss a metterlo sotto contratto, nonostante non rispecchiasse appieno lo standard d’immagine Kiss.

Il sogno di Caravello divenne realtà.

E gli autografi, da quel giorno, li avrebbe firmati lui stesso.

Il nuovo arrivato venne ribattezzato col nome d’arte Eric Carr e gli venne dato il personaggio dell’aquila, ‘The Hawk’, ma il make up di questo personaggio risultò troppo complesso e così fu cambiato in ‘The Fox’, la volpe.

L’arrivo del nuovo batterista portò una ventata di freschezza nella band, soprattutto con il tour di ‘Unmasked’ alle porte.

Il più entusiasta di tutti fu Gene Simmons: “Inserire nella band Eric Carr in quel modo, prima di un tour, con poca esperienza e tanto entusiasmo, fu come rivivere gli esordi della carriera. Era sorprendente guardarlo entrare nella sua nuova parte e osservare noi stessi che cercavamo di integrarlo”.

Eric Carr, alias Paul Charles Caravello, si spense il 27 novembre del 1991.

Fu prontamente sostituito da Eric Singer, per decisione del duo Gene e Paul, che avrebbero ceduto ancora una volta alla logica cinica e imprenditoriale del motto ‘The show must go on’.

© 2018, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *