Rory Gallagher: 14 giugno 1995

Londra, 14 giugno 1995.
Muore, a soli 47 anni, Rory Gallagher, cantante e chitarrista irlandese, considerato uno dei migliori chitarristi di sempre.

Il giorno della sua morte tutte le televisioni irlandesi interruppero i programmi, i suoi funerali vennero trasmessi in diretta nazionale.

“Il Blues fa male alla tua salute. Guarda la lista: Jimmy Reed era epilettico, Howlin’ Wolf ebbe bisogno di un macchinario per il rene, molti degli atri grandi nomi erano degli alcolisti. Muddy Waters è uno di quelli che riuscì a controllarsi.
Gente come Skip James non ci ruscì mai. Quando Howlin era in dialisi e smise di bere, ciò influenzò stranamente le sue performance.
Perciò, il bere e il Blues sono strettamente collegati, l’una nutre l’altra”. (Rory Gallagher)

Liam ‘Rory’ Gallagher era conosciuto da tutti come Rory, perché, come affermò lui stesso: “Non esiste nessun San Rory e mi piace l’idea di non avere il nome di un Santo”.

Una volta, Rory Gallagher e compagni rischiarono la vita ad Atene.
Poco dopo il colpo di stato in Grecia si stavano tenendo le elezioni.

Ad un tratto fiamme sul retro dello stadio divamparono dove stavano suonando Rory e soci.
Stavano bruciando ristoranti e negozi sulla strada.
Poco dopo arrivò la polizia e cominciò a sparare il gas.

Rory: “E’ stato il concerto più spaventoso che ho mai fatto. Il gas CS è roba pericolosa. Ti scombussola gli occhi e non puoi vedere dove vai nè niente. Alla fine, quando arrivammo nel backstage, c’era talmente tanta confusione che non capivamo chi ci stava proteggendo e chi ci voleva attaccare.

C’erano ragazzi e mezzi militari che ci camminavano intorno e ci guardavano minacciosi. Così saltammo in un’auto e provammo a tornare in hotel, ma dovemmo abbandonare l’auto e iniziammo a camminare.

C’era di tutto, fu un incubo.
Eravamo fradici con gli occhi lacrimanti e tremavamo di brutto.
Il concerto è andato bene lo stesso, ma è stato troppo spaventoso.

Non volevo morire in un campo di calcio in Grecia senza neppure sapere cosa stesse succedendo”.

© 2019, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *