MOLD Records presenta Electronic Violator (RE-edit) il nuovo videoclip dei Beat On Rotten Woods

MOLD Records presenta Electronic Violator (RE-edit) il nuovo videoclip dei Beat On Rotten Woods.

Link al video https://youtu.be/4yIz9RvUmZ0

Dopo l’uscita dell’album, il cui titolo coincide con il nome della band
(Beat On Rotten Woods), nei primi mesi del 2020, ed a seguito del videoclip di The Cliff (Sonicyut – Mold Records) che ha raccolto più di 50.000 visualizzazioni Youtube, la band triestina ha deciso di
estrarre un altro singolo dall’album, Electronic Violator, rielaborato da AbbaZabbaprod e Igor Ambrosino sound engineer, e ne ha fatto un video dalle atmosfere ‘Frankesteiniane’ riviste in chiave ironica e autoironica grazie alla regia di Mario Orman e Simone Tonelli.

BEAT ON ROTTEN WOODS

Mace, cantante e beatboxer, e il chitarrista Rob si incontrano musicalmente durante una collaborazione con il rapper Yane. Senza troppi giri di parole si mettono in testa di creare immediatamente qualcosa che vada oltre il solito concetto di rock
band.

Impugnata la chitarra ed affilata la loopstation, in breve tempo sfornano una manciata di canzoni che consentir à loro di esibirsi in numerosi locali e festival della zona, portandoli ad aprire anche a
BobLog III al teatro Miela e a suonare all’inaugurazione della 26a edizione del MittelFest.

Nel 2016 danno vita al loro primo EP STAY ROTTEN, seguito dal videoclip “shining people”. Sempre più affermati, negli ultimi mesi del 2017 decidono di affinare ulteriormente il loro BeatboxBluesIndustrialGrunge,
arruolando tra le loro file il bassista Tilen e il chitarrista Nevio, con i quali pubblicano all ’ inizio del 2018 il videoclip “SPACES”, piazzandosi fra i finalisti di Cortinametraggio 2018.

Nel 2020 esce con l’etichetta Mold Records il primo LP ‘Beat On Rotten Woods’, accompagnato dal videoclip di ‘The Cliff ’.

© 2020, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.