NEU! – NEU!

NEU!

NEU!

1972

POLYGRAM RECORDS

GENERE KRAUTROCK

Neu!, leggasi “Nói’, è il debutto discografico del duo tedesco Neu!, formato da Michael Rother, basso e chitarre, e Klaus Dinger, batteria, voce e chitarra, realizzato nel 1971 e pubblicato nel 1972 per la Polygram Records.

Questo duo di musicisti di Düsseldorf, pionieri del ritmo “motorik”, dopo essersi separati dai Kraftwerk, ha contribuito alla nascita e allo sviluppo del krautrock, movimento culturale e musicale nato in Germania alla fine degli anni ’60 e sviluppatosi negli anni ’70, che esplorò nuove frontiere strumentali grazie all’uso dell’elettronica, grazie all’influenza delle ritmiche della musica africana.

Düsseldorf è considerata una delle culle della musica elettronica, dove avvenne la riscoperta del neo romanticismo teutonico, la voglia di ricostruzione e di rivincita delle nuove generazioni di musicisti tedeschi, stanchi delle macerie fisiche ed umanistiche che la popolazione germanica aveva accumulato dopo le due guerre mondiali ed il genocidio dell’Olocausto.

Denominato krautrock dalla critica britannica dell’epoca, inizialmente con accezione negativa, rappresentò la vera rivoluzione musicale degli anni ’70, l’età dell’oro della musica tedesca, la tecnologia al servizio del rock, una vera e propria ribellione artistica nei confronti dell’egemonia di tutta la musica anglofona dei ’60.

Il krautrock fu la rivincita dei crauti sul pudding.

I crucchi avevano bisogno di qualcosa che suonasse completamente nuovo (Neu!), creativo e innovativo: nuovi strumenti, nuove sonorità, nessuna facile catalogazione, tanta immaginazione, atmosfere gelide, visionarie e psichedeliche, con un solo comun denominatore: la sperimentazione.

La musica dei Neu!, assieme ad altri gruppi tedeschi importanti di quel periodo, ha avuto un valore inestimabile sulla musica del futuro, dalla metà degli anni ’70 fino al giorno d’oggi. Hanno influenzato quasi mezzo secolo di musica, dal rock progressive, al rock psichedelico, alla new wave britannica, alla techno dance, fino al rock alternativo.

La scena elettronica tedesca di quel periodo storico fu d’ispirazione per artisti come David Bowie, per la sua famosa trilogia berlinese, Brian Eno, Iggy Pop, Television, Pere Ubu, Joy Division, The Sound, Sonic Youth, Jane’s Addiction, Smashing Pumpkins, etc.

Il debut album dei Neu! si apre con un brano di 10 minuti, Hallogallo, forse il migliore del disco, che riassume appieno la filosofia artistica del duo tedesco: una festa selvaggia dove psichedelia ed Oriente si incontrano. Come non ricordare l’influenza alienante e noise di questo pezzo su brani postumi come I Can’t Escape Myself dei The Sound, Cherub Rock degli Smashing Pumpkins, oppure la maggior parte della produzione dei Porcupine Tree.

Sonderangebot Weissensee sono due brani strumentali di musica cosmica e rumori pre-industrial.

Im Glück inizia e termina con il rumore rilassante dell’acqua, ed in mezzo un sottofondo di amplificatori distorti, suoni della natura, attraverso un’atmosfera ambient ed una trance ipnotica.

Negativland è l’altro pezzo proto-noise rock dell’intero album: si apre con il rumore di un martello pneumatico, un lamento bondage ed il chiasso di una folla urlante.

Negativland, come fa presagire il titolo, sprigiona un sound claustrofobico, angosciante, decadente e ripetitivo, che dura quasi 10 minuti; una sequenza di rumori industriali e chitarre distorte, il punto d’incontro tra la tradizione gotica tedesca e l’epoca moderna della tecnologia.

Il disco si conclude con Lieber Honig, un lamento sospirato e sofferente lungo ben 7 minuti, che si chiude, anch’esso, con il rumore dell’acqua, stavolta rilassante, sinistro ed inquietante, al tempo stesso.

NEU! è un disco seminale ed imprescindibile per la musica del suo decennio e per quella che verrà nei decenni successivi: un’estasi elettronica composta da canzoni sperimentali, a tratti addirittura scollegate ed incomprensibili, una musica che potrebbe continuare all’infinito.

https://youtu.be/vQCTTvUqhOQ

© 2019, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *