Alan + : recensione di Anamorfosi

ALAN+

Anamorfosi

URTOVOX Records

14 Maggio 2021

genere: spoken word, alt-rock, elettronica sperimentale

_______________

Recensione a cura di Mamunia

Anamorfosi è il nuovo album di ALAN+, il duo fiorentino composto da Tony Vivona e Alessandro Casini. Esce il 14 Maggio per Urtovox Records ed è stato anticipato dal singolo Ancòra, opening track dell’album.

Anamorfosi si basa sul connubio tra parole e musica: il testo è il centro focale di ciascuna delle 10 composizioni ed è anche il punto di partenza creativo dal quale il duo articola l’intero progetto artistico. Le poesie interpretate da Tony si installano su un mix di suoni elettronici, analogici e incursioni acustiche, governato dalla presenza costante del basso e delle chitarre elettriche.

Versi poetici che emergono e confluiscono in una trama musicale: i due protagonisti di ALAN+ dichiarano di aver trovato ispirazione nei reading della beat generation e nelle successive rielaborazioni dei circuiti culturali alternativi. Ma Anamorfosi sembra volersi spingere anche oltre, con le sue sonorità classiche alternate a suoni elettronici più attuali. Trova un equilibrio pressoché perfetto grazie a un sound moderno ed organico. Come Non Mai, con la sua atmosfera essenziale, è il brano ideale nel rappresentare entrambe queste dimensioni.

“Alla deriva di un destino diverso, che ha cambiato strada lungo il percorso”: sembra evocare il ritorno a una narrazione senza tempo, che sceglie di rendere protagonisti gli arpeggi e il suono del pianoforte: il brano emerge per una struttura lineare e raffinata, tanto nella sua testualità quanto nella linea melodica, spiccando in tutta la sua efficace semplicità.

L’utilizzo costante e solido del synth e le sonorità elettroniche fanno da sfondo all’intero album. Ma è con Wonderful Side of You che riescono ad esprimere in modo sincero (e, in alcuni passaggi, struggente) la fusione di parole appena percettibili e di atmosfere eteree: “d’un tratto arrivi e come vento spazzi, nel tempo di un respiro, l’ansia dell’attesa”. Una ballata delicata, simbolo di un sentimento improvviso, ma non per questo fugace, intriso di malinconia e sospeso in uno spazio umanamente finito, eternamente presente, circoscritto da un vorticoso giro di basso: “ed è ora e qui che tutto ciò accade”.

Con il suo incedere quasi ipnotico, Musa del Momento ne è un esempio cristallino. La poesia resta l’assoluta protagonista dell’ascolto, mentre la struttura coerente del substrato melodico è in grado non solo di seguirne le voluttuose curve testuali, ma anche di ritagliarsi un proprio ruolo da comprimario.

Tutte le tracce di Anamorfosi sembrano voler esprimere l’integrazione ideale tra versi di natura verbale e musicale. Il duo inanella, infatti, una serie racconti multidimensionali capaci di valorizzare l’originalità delle liriche, riuscendo anche a far emergere, nei momenti strategici, preziose trame strumentali.

https://www.facebook.com/alanmusicpoetry

Tracklist:
1. Ancòra
2. Anamorfosi
3. Collisione
4. Effimero Inganno
5. Musa Del Momento
6. Come non mai
7. Tengo Traccia
8. Fino All’Ultimo Respiro
9. A Wanderfull Side Of You
10. In Viaggio

Credits:

ALAN+ è un duo composto da Tony Vivona (basi elettroniche, synth, basso, piano e voce) e Alessandro Casini (chitarre acustiche ed elettriche, vibroplettri, disturbi ambientali, dissonanze e seconda voce).

Anamorfosi è stato registrato negli studi di ARTESTUDIO53 da Franco Poggiali Berlinghieri, che ha seguito anche mix & editing. Mastering presso WHITESOUND, a cura di Tommy Bianchi.

© 2021, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.