Idles – A Beautiful Thing : Idles Live At The Bataclan

Idles

A Beautiful Thing : Idles Live At The Bataclan

2019/ Partisan

Tracklist:

Colossus – Never Fight A Man With A Perm – Mother – Faith In The City – I’m Scum – Danny Nedelko – Divide & Conquer – 1049 Gotho – Samaritans – Television – Great – Love Song – White Privilege – Gram Rock – Benzocaine – Exeter – Cry To Me – Well Done – Rottweiler

_______________

Gli Idles non amano sentirsi etichettati gruppo Punk o Post-Punk o con qualsiasi altro riferimento di genere, ma per convenzione dobbiamo avvicinarci a loro capendo il loro flusso compositivo emotivo e sonoro. Il collettivo progressista di Bristol è impegnato nel sostenere tematiche che oggi nel Regno Unito risultano molto scomode e poco popolari, nel paese di Boris Johnson, della Brexit, argomentazioni quali fratellanza, immigrazione ed empatia tra esseri umani non son esattamente graditi, eppure la band di Joe Talbot propone queste tematiche sociali fortemente radicate nelle classi più disagiate e penalizzate dalle politiche conservatrici inglesi.

Questa premessa, che esula dalla musica fine a se stessa, è necessaria parlando degli Idles, del loro percorso che li porta, dopo 2 fortunati album (Brutalism – 2017 e Joy As An Act Of Resistance – 2018) e diversi Ep, a suonare in diversi locali fino al prestigioso Bataclan di Parigi, famoso suo malgrado per l’attentato del 2015. Forse anche per questo la serata del 3 dicembre 2018, immortalata da questo live album, il primo in carriera per gli Idles, assume una connotazione ancor più rabbiosa e potente, replicando amplificate queste sensazioni già presenti nei lavori in studio.

Il disco presenta 19 tracce registrate durante l’esibizione, praticamente tutto l’ultimo Joy As An Act Of Resistance meno una, completato dai pezzi estratti dal debutto Brutalism. La notte parigina, raccontata in questa pubblicazione, si apre con l’invito di Talbot rivolto al pubblico presente, una spinta a superare attraverso l’amore universale divisioni e ostacoli. Stringiamoci forte, quindi, da Colussus in poi esplodono, una dopo l’altra, come mine, le intenzioni degli Idles, libertà d’espressione, immediatezza e coinvolgimento emotivo, il tutto concentrato in queste tracce purificatrici, canzoni che chiudono trionfalmente un tour introspettivo a detta dello stesso gruppo.

La magia della nuit al Bataclan regala al live un’incedere intenso, travolgente, una cosa bellissima da ascoltare a volume sanguinoso. Mother, Danny Nedelko e la conclusiva Rottweiler, per dirne alcune, riconciliano con l’arte militante, la tenacia della musica nel creare il contatto tra palco e parterre, un’esplosione armonica e gioiosa di urla e pogo.

Gianluca Crugnola

© 2020, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.