La Tessitoria Eco: recensione di Nessuno Se Ne Accorge

La Tessitoria Eco

Nessuno Se Ne Accorge

(R)esisto Distribuzione

22 aprile 2022

genere: cantautorato rock, canzone d’autore italiana, alt-rock

_______________

Recensione a cura di Andrea Musumeci

A distanza di quattro anni dal primo disco autoprodotto Ecos, la band bolognese La Tessitoria Eco manda alle stampe il suo nuovo album intitolato Nessuno Se Ne Accorge, edito per l’etichetta ferrarese (R)esisto Distribuzione e anticipato dall’uscita dei singoli Normale e Inno.

Composto da otto tracce – incluso un omaggio a Lucio Dalla e Lucio Battisti, con le versioni di Anna e Marco e di 7 e 40 rivisitate in chiave alt-rock – questo secondo capitolo discografico dei La Tessitoria Eco (Alessandro Barbaro alla voce, Diego Della Riva alla chitarra, Gabriele Ghetti alla chitarra, Alessandro Poggi alla batteria, Nevio Taglieri al basso) evidenzia una rinnovata affinità artistica da parte del collettivo felsineo e una maggiore maturità compositiva, oltre al consolidamento di un duraturo rapporto di amicizia.

Conservando un proprio trademark identitario e scritturale, e assemblando al contempo i diversi background all’interno del gruppo, la bottega creativa dei La Tessitoria Eco si affida a un telaio stilistico dalle tonalità calde, che dà ampio spazio alla sfera sentimentale, rievocando la freschezza retrò della musica rock, le trame classiche della forma-canzone e l’intimità emotiva del cantautorato nazionalpopolare, servendosi della propria sensibilità autobiografica quale raccordo umorale tra i vari episodi della release.

Un insieme di tessiture melodiche dal sapore tricolore – alla Stadio, Pooh, Ligabue, Clandestino, Francesco Renga – che passa attraverso accenni di reminescenze new wave e lievi divagazioni espressive aderenti a certe metriche del progressive moderno (con un’accezione più romantica e molto più semplificata nella struttura), intrecciando ritmiche dinamiche, sostenute e graffianti di rimando alt-rock anni ’90 (Parallelo, Stella, Inno) a refrain dal taglio decisamente accattivante e radiofonico.

Sotto l’aspetto testuale – considerando quanto sia alto il coefficiente di difficoltà quando si scrivono testi in italiano – Nessuno Se Ne Accorge si presenta come un concentrato di riflessioni personali, di esperienze individuali, di storie introspettive che si abbandonano alle curve imprevedibili del destino, ai profumi agrodolci della nostalgia, e a un fondo di malinconia che oscilla nel contrasto tra forza e debolezza interiori.

Quello del quartetto emiliano è uno sguardo critico e disilluso verso un presente pieno di incognite e una società densa di contraddizioni, dove ognuno cerca di nascondere le proprie fragilità, le proprie emozioni, schermandosi dietro un mondo parallelo fatto di apparenze, di maschere digitali e finestre virtuali.

Eppure – nonostante quel senso di smarrimento del dover navigare a vista e l’indifferenza del vivere quotidiano, dove nessuno sembra più accorgersi di niente e nessuno – i La Tessitoria Eco tornano a riconsiderare quello che è il significato essenziale della vita, setacciando nuove forme di speranza, un modo alternativo di stare al passo con il nuovo mondo, interrogandosi in tal senso e affrontando le cadute e il dolore delle mancanze con quella voglia mai troppo scontata di rimettersi in gioco, di raccogliere dall’asfalto quel gelato al gusto fragola, come metafora di passione e desiderio di rinascita.

Link Spotify: spotify.com/album

facebook.com/LaTessitoriaEco
instagram.com/latessitoriaeco

Membri della band:

Alessandro Barbaro – Voce
Diego Della Riva – Chitarra
Gabriele Ghetti – Chitarra
Alessandro Poggi – Batteria
Nevio Taglieri – Basso

Credits:

Riprese video/Photo director: Ilaria Passiatore e Michele Guberti
Montaggio video/Post produzione: Ilaria Passiatore
Distribuzione e promozione: (R)esisto
Edizioni discografiche: Davvero Comunicazione

© 2022, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.