È morto Taylor Hawkins, batterista dei Foo Fighters

E’ morto a 50 anni Taylor Hawkins, batterista dei Foo Fighters.

Ne ha dato l’annuncio la rock band americana sui suoi profili social. Si ipotizza un infarto in un hotel di Bogotà, dove la rock band Usa doveva suonare.

“La famiglia Foo Fighters è devastata dalla tragica e prematura perdita del nostro amato Taylor Hawkins”, ha twittato alle 4 ora italiana il gruppo fondato nel 1994 a Seattle dall’ex batterista dei Nirvana, Dave Grohl. “Il suo spirito musicale e la sua risata contagiosa – continua il messaggio – vivranno con tutti noi per sempre. I nostri cuori vanno a sua moglie, ai suoi figli e alla sua famiglia, e chiediamo che la loro privacy sia trattata con il massimo rispetto in questo momento inimmaginabilmente difficile”.

Secondo fonti non confermate, Taylor Hawkins sarebbe stato trovato morto in un hotel di Bogotà. Il decesso sarebbe stato causato da un infarto. La band si trovava nella capitale colombiana per suonare al Festival Estero Picnic, tappa del loro tour in America Latina che domani li avrebbe visti in Brasile.

Taylor Hawkins era nato a Fort Worth, il 17 Febbraio 1972. Dopo aver suonato per diversi anni nella band di Alanis Morissette, viene reclutato da Dave Grohl nel 1997 per sostituire il batterista William Goldsmith nei Foo Fighters, in tour e in studio. Fortemente influenzato da Stewart Copeland dei Police e da Roger Taylor dei Queen, Hawkins non è stato solo un abile batterista, ma anche un discreto cantante. Taylor Hawkins era anche uno dei componenti della band più amato dai fan, per via del suo carattere estroverso, simile a quello del frontman Dave Grohl.

© 2022, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.