Felix Pappalardi

New York, 17 aprile 1983.

Muore Felix Pappalardi, famoso bassista dei Mountain. Produsse anche i primi album della formazione inglese dei Cream.

Il 17 aprile del 1983, Pappalardi fu ucciso per questioni di gelosia dalla moglie Gail Collins (autrice delle copertine di tutti i dischi dei Mountain) con un colpo di pistola.

Gail Collins, pur dichiarandosi innocente, fu ritenuta colpevole dell’omicidio del marito, ma condannata a solo due anni di carcere, perché l’uccisione fu giudicata accidentale.

‘Strange Brew’ dei Cream, scritta proprio da Felix Pappalardi e la moglie Gail, si apre con il verso: “Uccidi ciò che è dentro di te”.

‘Strange Brew’ è uno dei tanti capolavori dei Cream, che riuscì, nel 1967, ad unire il vecchio blues alle nuove tendenze psichedeliche, grazie a tre fuoriclasse del rock come Jack Bruce, Ginger Baker ed Eric Clapton.

‘Strange Brew’ è una canzone ricca di curiosità.

Fu registrata in soli tre giorni a New York, in fretta e furia perché il permesso di soggiorno dei musicisti inglesi stava per scadere.

È basata su un vecchio strumentale dei Cream intitolato ‘Lawdy Mama’.

Per chi volesse ascoltare le due canzoni, una dopo l’altra, è sufficiente prendere il cofanetto di ‘Crossroads’ di Eric Clapton.

Pur essendo uno dei pezzi più popolari dei Cream, tra i coautori del brano figurano Felix Pappalardi, anche produttore del disco, e sua moglie Gail Collins.

Il 9 marzo 1985 uscì l’album ‘Go for Your Life’ dei Mountain: fu il primo album dei Mountain senza la produzione o la performance di Felix Pappalardi.

La traccia di chiusura dell’album, ‘Little Bit of Insanity’, era dedicata alla memoria di Pappalardi, così come la copertina dell’album.

© 2019, Fotografie ROCK. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.